“E saranno giorni da non dimenticare
E avremo tante cose da raccontare
E il braciere non smetterà mai di illuminare
Il nostro cammino che continuerà”

Così si concludeva l’inno che ci ha accompagnato durante la nostra ultima/penultima permanenza a Pravec. Sono stati otto giorni all’insegna dello sport olimpico in cui ci siamo lasciati trascinare da prove sportive, canore, di ballo, in cui abbiamo potuto misurarci mettendo in luce le qualità dei singoli e dei gruppi. Nelle nostre mattinate riflessive ci siamo potuti confrontare su svariate tematiche, dal giudizio alla comunicazione, dalla fiducia alle aspettative. In una giornata in particolare abbiamo avuto l’onore di ospitare tra noi Paolo, che ci ha messi a dura prova nel confrontarci sulla tematica della disabilità e nel cimentarci nel basket in carrozzina. Oltre alle preziose visite di Don Luigi abbiamo potuto condividere parte delle nostre giornate con Don Tiziano che ci teneva aggiornati con le sue sceneggiate delle bizzarre abitudini di animatori e animati. Per riassumere il succo delle giornate gli animatori hanno pensato bene di appuntare ogni sera le vicende più inenarrabili. Prima di lasciarvi alla cronaca del nostro campeggio un enorme ringraziamento va alla squadra dei cuochi (un’equipe così numerosa Pravec non l’aveva mai vista!!) che ci hanno rimpinzato con i loro prelibati manicaretti: Elsa, Guido, Rosetta, Claudia, Fabio e Gianfranco. Un altro grazie speciale lo riserviamo a Paolo per la sua disponibilità, ma anche a don Luigi per la sua partecipazione e, ultima ma non meno importante, all’Associazione Spazio Giovani ed al suo immancabile sostegno. Ecco qui di seguito il resoconto delle nostre giornate:

“A Pravec il primo giorno abbiamo passato
sotto il sole che ci ha baciato
il Leo però non ne è stato molto contento,
per lui e le sue spalle è stato un tormento.
Nel pomeriggio abbiamo conosciuto le divinità
e ci è nata una perplessità:
perché Apollo, dio del sole,
non aveva nemmeno un po’ di colore?
Poi degli orologi ci siamo svestiti
e siamo tutti impazziti!
In particolar modo è stata la Claudia a soffrire
e una meridiana ha proposto di costruire.
E durante la guerra cinese, quando Michele era già in festa,
Filippo si fasciava la testa!
A metà messa ecco che don Luigi chiede un po’ di attenzione:
due caprioli fanno la loro apparizione!
La serata è stata una vera rivelazione:
Marina come pettegola ha avuto una grande ovazione.
Anche il secondo giorno è poi cominciato
con la puzza di fogne che ci ha nauseato.
Dopo i tanti scontri a battaglia navale
potevamo aprire un bell’ospedale.
Ad un certo punto il telefono di don Tiziano suonò
chi potrà mai essere, oibò?
“Sa fat lì fora Elsa? Vei rento valà!”
“Ma come faga benedetto? El Guido el m’ha en la so machina serà!”
Poi una brillante idea è venuta agli animatori
“Tutti in doccia! Cacciamo i cattivi odori!”
E chi si ricordava che la serata
si sarebbe conclusa con un’enorme sudata?
Abbiamo poi scoperto che se l’inno d’Italia vuoi cantare
di certo alla Martina non ti devi affidare.
E al terzo giorno siamo arrivati
e al mattino ci siamo impressionati.
Infatti abbiamo scoperto che Riccardo ha la passione
per la panna nel latte a colazione.
Un’altra notizia ha allietato la nostra mattinata
perché Alberto ha passato una brutta nottata:
con la pila ha voluto dormire
e la sua schiena ha dovuto soffrire!
Nel pomeriggio il Risiko ci ha animato
e il nostro spirito competitivo al massimo abbiamo sfoderato.
A cena, grazie ad una visita inaspettata,
di pizza abbiamo fatto una bella scorpacciata.
Purtroppo a fine serata
una cara persona se n’è andata,
ma per volerla contattare
qualcuno su facebook la voleva cercare.
Nonostante il nostro “viva il pret” convincente
don Tiziano se ne è andato come se fosse niente!
A metà settimana siamo arrivati
e anche quest’anno alla gita non siamo scampati.
Ancora prima di partire,
qualsiasi tipo di dolore si è fatto sentire.
L’uscita però poi non è stata così male
e anche un tiro con l’arco abbiam potuto provare.
Le mucche sono state la nostra compagnia
fino a quando qualcuno non ha avuto la brillante idea di cacciarle via,
ma non verso i prati queste si sono riversate
bensì verso le ragazze che a gambe levate sono scampate!
Dopo alquante docciate
le docce si sono intasate,
ma nonostante l’evidente allagamento
Ludovico incurante ci sguazzava contento.
La giornata è stata speciale
anche grazie al compleanno che abbiamo potuto festeggiare.
Infatti a conclusione di una buonissima cenetta,
di una splendida torta ce ne siamo pappati una fetta!
Per concludere la serata
Rosetta è stata ammazzata,
Michele ubriaco, dopo aver tutto negato,
dalle vostre menti brillanti è stato smascherato.
Ma che bella nottata per gli animatori
tra balote de fer e cattivi odori!
Un’altra giornata abbiam poi cominciato
giudice, accusa e difesa ci hanno accompagnato!
Durante il processo l’Angela genitore, per difendersi dal ragazzo incosciente,
ha sostenuto che la morfina fosse un pericoloso stupefacente.
La Serena ci ha poi dato un grande insegnamento:
durante i servizi devi stare un po’ attento:
se le pile di bicchieri vuoi salvare,
non ti devi certo mettere a ballare!
Poi, con nostra grande sorpresa, don Tiziano è tornato,
fra urla di gioia e un grande boato:
“Viva el pret, viva el pret”
ma che fret, fret, fret!
Venerdì i nostri programmi sono saltati:
il tempo infatti non ci ha certo aiutati,
ma abbiamo comunque trovato una soluzione
tra canti, mimi e balli, che grande esibizione!
Mikael e Amedeo ci hanno deliziati
con i loro sguardi intensi e movimenti aggraziati.
L’ultimo giorno è arrivato
e con lui un ospite ha portato..
grazie al suo intervento
abbiamo capito che Riccardo non è un gran portento.
Le sue parole ci hanno fatto pensare
ma abbiamo con lui avuto il tempo di giocare.
E nonostante il don se ne fosse andato,
la danza del porzel ha ben dilagato!
Nel pomeriggio l’Irene con lo scotch si è auto zittita
per non poter essere eliminata dalla partita,
mentre la Sofia, nella sua corsa sfrenata,
una mascella si è frantumata.
Errare è umano, perseverare è animatore
anche oggi prima le docce e poi un bagno di sudore.
E ora che il campeggio è finito
vi lasciamo volentieri al vostro mestiere preferito:
i compiti dovrete cominciare
è finita la pacchia: tornate a studiare!”

Gli Animatori 
Arianna, Cristina, Francesca, Marta, Michele, Riccardo, Viviana

GALLERIA FOTOGRAFICA

Categorie: 2012Campeggi

0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *